Disability job coach, una nuova opportunità per le aziende e per le persone con disabilità

Una nuova figura per contribuire ad abbattere le barriere tra disabilità e lavoro. La Regione Veneto – con una delibera varata lo scorso anno e che diventerà operativa a giorni – ha istituito la figura del disability job coach che “è chiamato a valorizzare i punti di forza della persona con disabilità, analizzare le criticità del lavoro, produrre il superamento delle stesse per conseguire il benessere della persona nel luogo di lavoro“. Inoltre, sempre ai sensi della delibera regionale, il disability job coach dovrà “indirizzare le capacità delle persone in carico in modo tale che si incontrino con le esigenze di professionalità e di produttività delle aziende che hanno assunto il lavoratore“, in maniera da “esaltare le potenzialità della persona con disabilità“.

Si tratta di una bella opportunità per le aziende per rafforzare i percorsi di inclusione di persone con disabilità iscritte all’elenco previsto dalla legge 68/99.

Per accedere al contributo le persone con disabilità dovranno trovarsi in una di queste condizioni:

A) Nella fase di attivazione di un rapporto di lavoro (0-3 mesi), con contratto di assunzione subordinato di almeno 12 mesi/apprendistato/a tempo indeterminato;

B) In caso di difficoltà durante lo svolgimento del rapporto di lavoro (introduzione di mansioni aggiuntive; cambiamento di reparto all’interno dell’azienda; riorganizzazione aziendale o cambiamenti dello stato di salute).